Nonostante la parola 'Bon-sai' sia giapponese, l'arte che descrive, ha origine durante l'impero cinese. Entro l'anno 700 d.C. i cinesi avevano iniziato l'arte del 'pun-sai', utilizzando tecniche speciali per crescere alberi nani in vaso.

Originariamente solo l'élite della società praticò il pun-tsai con esemplari autoctoni raccolti e gli alberi furono distribuiti in tutta la Cina come regali di lusso. Durante il periodo Kamakura, nel quale il Giappone adottò la maggior parte delle tradizioni culturali della Cina, l'arte di coltivare alberi in vaso venne introdotta in Giappone. I giapponesi svilupparono il Bonsai secondo certi principi a causa dell'influenza del Buddismo zen e del fatto che il Giappone è solo il 4% delle dimensioni della Cina continentale. La gamma delle forme del paesaggio fu quindi molto più limitata. Molte famose tecniche, stili e strumenti furono sviluppati in Giappone traendo spunto da quelli originali cinesi. Sebbene conosciuto in misura limitata al di fuori dell'Asia per tre secoli, solo recentemente il Bonsai si è diffuso veramente fuori dalle sue terre di origine.

 

 

Storia del Bonsai in Cina

Vassoi poco profondi o coppe schiacciate - "pen" o "pan" o "pun" - erano stati realizzati in terracotta nella parte di mondo che oggi chiamiamo Cina, già circa 5.000 anni fa. Mille anni dopo, durante l'età del bronzo cinese, queste forme furono scelte per essere ricreate in bronzo per cerimonie a scopi religiosi e politici. Circa 2.300 anni fa, la teoria cinese dei Cinque Elementi (acqua, fuoco, legno, metallo e terra) lanciò l'idea della potenza delle repliche in miniatura. Ricreando una montagna, per esempio, in scala ridotta, uno studente si potrebbe concentrare sulle sue proprietà magiche e ottenere l'accesso ad esse. Quanto più la riproduzione era della stessa dimensione rispetto all'originale, più era probabilmente potente magicamente. Duecento anni dopo, avvennero importazioni di nuove essenze e incensi sotto l'imperatore Han per effetto del commercio, aperto di recente con i suoi vicini. Un nuovo tipo di piatto venne creato, bruciatori d'incenso che riproducevano le vette che passano sopra le onde e simboleggiavano le dimore degli immortali, l'idea allora popolare delle mitiche isole dei Beati. In primo luogo realizzati a mano in bronzo, ceramica o in bronzo dorato, alcuni di questi bruciatori si appoggiavano su piccoli piatti pen sia per scaldarsi sia per rappresentare un oceano in miniatura. I coperchi rimovibili di questi bruciatori spesso erano coperti di raffigurazioni stilizzate di figure leggendarie arrampicate sui fianchi delle colline boscose. Dai fori nei coperchi il fumo dell'incenso fuoriusciva come i vapori mistici dalle aperture nelle caverne delle montagne. Si pensa che alcuni coperchi realizzati in pietra siano stati trovati con licheni o muschio già attecchito - paesaggi naturali in miniatura.

Dall'anno 706 d.C. circa provengono le pitture tombali per il principe ereditario Zhang Huai che comprendevano le raffigurazioni di due dame di compagnia che offrono paesaggi rocciosi in miniatura su piatti poco profondi. In questo periodo ci furono le prime descrizioni scritte di questi pun wan. Poiché la loro creazione e cura erano pratiche già evolute, l’arte si sviluppò (ma la sua documentazione non è ancora stata scoperta da noi)

Si ritiene che i primi alberi raccolti e messi in vaso siano stati esemplari con forme particolari e contorte. Questi erano "sacri" in contrapposizione al "profano", perché non potevano essere utilizzati per qualsiasi finalità pratica, per scopi comuni come legname ad esempio. Le loro forme particolari ricordavano tipi di posture yoga, che più volte ripiegate su se stesse, facevano ricircolare i fluidi vitali ed erano causa di lunga vita.

Nel corso dei secoli, diversi stili regionali si sarebbero sviluppati in tutto il grande paese con i suoi molti paesaggi diversi; vasi in terracotta e in ceramica per sostituire quelli in porcellana esposti su scaffali di legno; e sarebbero stati fatti tentativi per modellare gli alberi con strutture di bambù o fili d'ottone o di piombo. Molti poeti e scrittori composero almeno una descrizione dei paesaggi di montagna in miniatura, e molti pittori inclusero un albero nano in vaso come simbolo dello stile di vita da uomo colto. Dopo il 16° secolo questi furono chiamati pun tsai o "piantati in vaso". Il termine pun ching ("paesaggio su piatto", ora chiamata penjing) non fu utilizzato in realtà fino al 17°secolo.

 

Miniature landscape from Gothaer Penjing Album, Canton, c.1800

Paesaggio in miniatura dall’album di Gothaer Penjing, Canton, c.1800

 

Storia del Bonsai in Giappone

Si ritiene che i primi paesaggi su lastra siano stati portati dalla Cina al Giappone almeno 1200 anni fa (come souvenir religiosi). Mille anni fa, la prima lunga opera di narrativa in giapponese incluse questo passaggio: "Un albero [di dimensioni reali] che viene lasciato crescere nel suo stato naturale è una cosa volgare. È solo quando è mantenuto vicino agli esseri umani che lo modellano con tale amorevole cura che la sua forma e lo stile acquistano la capacità di spostarsi ". Leggi l'articolo sul significato degli alberi Bonsai per ulteriori informazioni.

Le prime rappresentazioni grafiche di questi in Giappone non sono state effettuate fino a circa ottocento anni fa. Tutte le cose cinesi affascinarono i Giapponesi, e a un certo punto il buddhismo cinese Chan (il buddhismo indiano meditativo Dyhana incrociato con il nativo Daosimo cinese) venne importato e divenne il Buddismo zen in Giappone. Trovando la bellezza nella massima essenzialità, i monaci zen - con meno forme di paesaggi come modello - svilupparono i loro paesaggi in vaso secondo certe linee guida per le quali un solo albero in un vaso potrebbe rappresentare l'universo. I vasi giapponesi erano generalmente più profondi di quelle del continente, e la forma di giardinaggio ottenuta fu chiamata Hachi-no-ki, letteralmente, l’albero del vaso. Un racconto popolare di fine 1300, su un samurai povero che sacrificò i suoi ultimi tre alberi nani in vaso per fornire calore per un monaco vagabondo in una fredda notte d'inverno, divenne un popolare Noh teatrale, e le immagini della storia vennero rappresentate attraverso numerose forme espressive, incluse le xilografie, nel corso dei secoli.

 

What is Bonsai

Bonsai "Akirafutokoro Prince" (706 AD). Ritsumeikan University

 

Tutti, dal capo militare degli shogun alla gente comune, coltivarono qualche forma di albero o di azalea in un vaso o conchiglia di perla. Entro la fine del XVIII secolo si tenne ogni anno una mostra per gli alberi di pino nano in vaso nella capitale di Kyoto. Gli appassionati di cinque province e delle aree limitrofe portarono uno o due piante ciascuno per l’esposizione, al fine di sottoporle ai giudizi e alle classifiche dei visitatori. La città di Takamatsu (casa del villaggio Bonsai di Kinashi) stava già coltivando campi di pini nani parzialmente formati per ottenere una delle principali fonti di reddito.

Intorno all'anno 1800, un gruppo di studiosi delle arti cinesi si riunì nei pressi della città di Osaka per discutere gli stili recenti degli alberi in miniatura. I loro alberi nani furono rinominati "bonsai" (la pronuncia giapponese del termine cinese pun-tsai) per differenziarli dagli ordinari Hachi-no-ki, che molte persone curavano. Il bon o il pun è meno profondo della ciotola Hachi. Questo dimostra che almeno alcuni coltivatori hanno avuto più successo con le esigenze orticole di alberi nani coltivati nei contenitori più piccoli. Il Bonsai è ora visto come una questione di design, l'approccio artigianale sostituisce quello religioso / mitico della tradizione.

Dimensioni e stili diversi furono sviluppati nel corso del secolo successivo, furono pubblicati cataloghi e libri sugli alberi, sugli strumenti e sui vasi e si tennero alcuni prime esposizioni formali. Fili di rame e di ferro sostituirono le fibre di canapa per modellare gli alberi. I contenitori prodotti in serie in Cina furono realizzati seguendo le caratteristiche di quelli giapponesi e il numero di appassionati iniziò a crescere.

 

At the second Kokufu Bonsai Ten, December 1934

Alla seconda Kokufu Bonsai Ten, dicembre 1934

 

Dopo il grande terremoto di Kanto che devastò la zona di Tokyo nel 1923, un gruppo di trenta famiglie di coltivatori professionisti si trasferì a venti miglia di distanza, a Omiya e creò quello che sarebbe diventato il centro della cultura giapponese Bonsai, il villaggio Bonsai di Omiya. Dal 1930, considerato che vennero riconosciute le esposizioni formali dei Bonsai, venne autorizzata una mostra annuale ufficiale al Metropolitan Museum of Art di Tokyo.

La lunga ripresa dalla guerra del Pacifico ha visto i Bonsai raggiungere la maturità e venire coltivati come un’importante arte autoctona. Programmi di apprendistato, un maggior numero di mostre, libri e riviste, e corsi per stranieri diffusero la parola. L'uso di strumenti personalizzati e potenti, abbinati a una conoscenza approfondita di fisiologia vegetale, permise ad alcuni maestri di passare da un approccio artigianale a una fase progettuale veramente artistica.

Recentemente, il Bonsai - visto troppo spesso come un semplice passatempo per gli anziani - sta diventando popolare anche tra le giovani generazioni per creare piccoli alberi e paesaggi usando le essenze autoctone.

Per saperne di più leggi su Bonsai in Giappone.

 

Storia del Bonsai in Occidente

Nel 1604, ci fu una descrizione in spagnolo di come gli immigrati cinesi nelle isole tropicali delle Filippine facessero crescere alberi di ficus di piccole dimensioni su pezzi di corallo grandi come una mano. Il primo contatto inglese con alberi nani in vaso (radici su roccia su una lastra) fu registrato in Cina, a Macao, nel 1637. Le relazioni seguenti nel corso del secolo successivo anche provenienti dal Giappone riguardavano essenze di radici su roccia. Dozzine di viaggiatori inclusero qualche accenno ad alberi nani nei loro racconti dal Giappone o in Cina. Molti di questi sono stati riportati in recensioni di libri e articoli stralciati in riviste ampiamente distribuite. Alberi nani giapponesi vennero esposti all’Esposizione di Filadelfia nel 1876, alle Esposizioni di Parigi del 1878 e del 1889, all'Expo di Chicago del 1893, alla Fiera Mondiale di St. Louis del 1904, alla mostra Giappone-Gran Bretagna del 1910 e all’Esposizione di San Francisco nel 1915.

Il primo libro in lingua europea (francese) interamente sugli alberi nani giapponesi è stato pubblicato nel 1902, e il primo in lingua inglese nel 1940. “Gli alberi e i Paesaggi in miniatura di Yoshimura e Halford” è stato pubblicato nel 1957. Sarebbe diventato noto come la "Bibbia del Bonsai in Occidente", con Yuji Yoshimura si creò il collegamento diretto tra l'arte classica giapponese del Bonsai e il progressivo approccio occidentale che ha portato un elegante, raffinato adattamento al mondo moderno. John Naka dalla California diffuse questa condivisione con l'insegnamento di persona e tramite i testi prima in America, e poi in tutto il mondo, enfatizzando ulteriormente l'uso di materiale autoctono.

Fu da questo momento che l'Occidente venne introdotto ai paesaggi del Giappone, conosciuti come saikei e della Cina, come penjing. Composizioni con più di un solo tipo di albero furono accettate e riconosciute come legittime creazioni.

Nel corso degli anni, piccole innovazioni e miglioramenti sono stati sviluppati, soprattutto nei prestigiosi vivai di vecchi Bonsai in Giappone, e sono stati portati poco alla volta nei nostri Paesi da maestri in visita o da appassionati viaggiatori di ritorno. Al loro ritorno dal Giappone, gli insegnanti avrebbero subito provato una nuova tecnica o due di fronte agli studenti durante i seminari pianificati in precedenza. Le nuove tecniche giapponesi poterono quindi essere diffuse ulteriormente e questa forma d'arte vivente continuò a svilupparsi.

La maggior parte dei primi libri in lingue europee si occupò soprattutto delle conoscenze di base e delle tecniche di orticoltura per mantenere in vita gli alberi. La scienza occidentale aumentò la nostra consapevolezza delle esigenze e dei processi degli alberi e delle altre piante che vivono nelle nostre composizioni. Al tempo stesso, il materiale pubblicato iniziò a trattare dell'estetica coinvolta nella stilizzazione e formazione. Grandi collezioni permanenti cominciarono a essere sempre più numerose in tutto il mondo, tra cui Scozia, Ungheria, Australia e Corea, e numerose esposizioni, mostre e convegni divennero eventi annuali per gli appassionati e il pubblico in generale.

Vennero tramessi i film Karate Kid. A modo loro spinsero molti giovani a studiare la nostra arte / hobby.

"Vasi mica" furono prodotti da questo momento in Corea e vasai indipendenti cercarono con le mani di fare vasi di ceramica, con forme non standard. Nel 1992 il primo sito Internet sul Bonsai è stato avviato con il newsgroup alt.bonsai e l'anno successivo è nato rec.arts.bonsai, il precursore del Bonsai Club Internet. Il primo sito web di un club Bonsai nacque meno di tre anni più tardi.

 

 

Conclusione

Ci sono oltre 1200 libri in 26 lingue sul Bonsai e sulle arti correlate. Ci sono stati oltre 50 periodici di stampa in varie lingue, e cinque riviste on-line solo in inglese. Centinaia di siti web, oltre un centinaio di forum di discussione, on-line club newsletters e blogs possono essere studiati. Costantemente spuntano riferimenti in televisione, nei film e negli spot pubblicitari, e nella narrativa in generale. Questo è veramente un interesse diffuso in tutto il mondo con una stima di mille club che si incontrano ovunque da una volta all'anno fino a due o tre volte al mese, tutti con la loro quota di politiche, personalità e passioni. Le iscrizioni potrebbero essere vicine a un centinaio di migliaia in oltre cento contee e territori, con i non associati gli appassionati sono circa dieci milioni in più.

Così la prossima volta che potate un ramo, filate o rinvasate il vostro albero, riflettete sul fatto che quello che state facendo continua una tradizione di più di mille anni. A vostro modo state esplorando e componendo una versione in miniatura del vostro universo.