La parola "Bon-sai" (spesso pronunciata erroneamente bonzai o banzai) è un termine giapponese che, tradotto letteralmente, significa "piantato in un vaso". Questa forma d'arte deriva da un'antica pratica orticola cinese, parte della quale è stata poi rivista sotto l'influenza del buddismo zen giapponese.

Viene praticata da più di mille anni. L'obiettivo finale della coltivazione di un Bonsai è creare una rappresentazione miniaturizzata ma realistica della natura nella forma di un albero. I Bonsai non sono piante geneticamente nane, infatti, tutte le specie di alberi possono essere utilizzate per la coltivazione.

 

What is Bonsai

Bonsai "Akirafutokoro Prince" (706 AD). Ritsumeikan University

 

Che cos’è il Bonsai?

Tecniche come la pinzatura delle gemme, la potatura e la filatura, e lo scrupoloso dosaggio ma non l’eliminazione dei fertilizzanti vengono utilizzate per limitare e stimolare una crescita vigorosa. I Bonsai la maggior parte delle volte non superano i quattro piedi (o circa un metro) di altezza e non sono piante geneticamente nane. Tuttavia, le piante con le foglie più piccole semplificano la realizzazione della loro forma. Infatti, tutte le specie vegetali che hanno un fusto legnoso o un tronco e dei rami, possono essere coltivate in un vaso per limitare la crescita delle loro radici / della capacità di immagazzinare nutrimenti, ed hanno foglie piccole o miniaturizzabili possono essere utilizzate per creare un Bonsai.

Guardatevi intorno, guardate i vostri alberi, cespugli, siepi, i boschi nel vostro giardino o parco, le piante in vivaio o il paesaggio selvatico - in sostanza ognuna di queste cose può costituire il materiale di partenza. Raccogli esclusivamente durante la stagione vegetativa corretta o durante la stasi vegetativa con l'autorizzazione adeguata, e inizia la tua composizione. La maggior parte delle piante autoctone può quindi essere coltivata all'aperto; il materiale proveniente da altri climi tropicali ha bisogno almeno di una certa protezione nelle zone temperate. Nella nostra guida sulle specie Bonsai è possibile trovare maggiori informazioni sulle cure specifiche per ogni pianta.

 

 

Classificazioni delle dimensioni dei Bonsai

L'obiettivo finale di un Bonsai è di creare una rappresentazione realistica della natura. Più un Bonsai diventa piccolo (anche fino a pochi centimetri) più diventa difficile, al contrario riprodurre la natura in modo più preciso. Diverse classificazioni di Bonsai sono state proposte, e sebbene le classificazioni sulle esatte dimensioni siano controverse, aiutano a comprendere gli aspetti estetici e botanici dei Bonsai. Le classificazioni sono originariamente basate sul numero di uomini necessari per sollevare la pianta.

 

Le classificazioni delle dimensioni, in misura crescente

  • Keshitsubo: 3-8 cm
  • Shito: 5-10 cm
  • Mame: 5-15 cm
  • Shohin: 13-20 cm
  • Komono: 15-25 cm
  • Katade-mochi: 25-46 cm
  • Chumono / Chiu: 141-91 cm
  • Omono / Dai: 76-122 cm
  • Hachi-uye: 102-152 cm
  • Imperial: 152-203 cm

 

Per saperne di più sugli alberi più piccoli leggi gli articoli sugli Shohin e sui Mame.

 

IV Ka Japanese Bonsai history

IV La storia del Bonsai giapponese.

 

Definizione del Bonsai

I caratteri cinesi usati per i loro vecchi paesaggi di alberi in miniatura in vaso sono stati utilizzati per denominare la forma d'arte giapponese. In breve, la definizione di Bonsai può essere spiegata come:

 

Bon-sai Japanese character

 

"Bon" [carattere in basso a sinistra] è un piatto o una ciotola sottile ("un vaso modificato che è stato diviso o tagliato da una forma più profonda").

"Sai" [carattere in basso a destra] è un albero, o un’altra pianta coltivata, che è piantato - "piantato", come sarebbe un’alabarda o una lancia o una picca incastrata nel terreno.

"Bonsai" così significa o denota "un albero che è piantato in un contenitore poco profondo".

 

Bonsai origin and history

Takao Itabashi / Takakane Takashina. Ritsumeikan University

 

 

Arti strettamente correlate

Mentre il termine "bonsai" si riferisce specificamente ai piccoli alberi in vaso sulla base del modello giapponese, è anche usato come termine generico per le forme d'arte connesse in altri paesi, alcune delle quali includono le seguenti:

  • Penjing: Di solito includono rocce per rappresentare montagne, colline, e scogliere. A volte sono alte anche fino a 3 metri o 10’. Queste composizioni più grandi sono piantate in contenitori fissi di cemento in esposizione permanente.
  • I Saikei sono le versioni giapponesi più recenti e più piccole di penjing. Sono realizzati con rocce, piante di piccole dimensioni e alberi in miniatura (che potrebbero, un giorno, essere piantati separatamente in un vaso bonsai).
  • Hon non Bo sono paesaggi vietnamiti in miniatura alti da 0,3 a 7,6 m (da 1'a 25'), fatti con rocce, piante e acqua per riprodurre paesaggi dell’isola, montagne e dintorni.
  • Mai-dat sono le composizioni tailandesi che sono più spigolose e simboliche, in qualche modo assimilabili a delle pose stilizzate di danzatrici.

  

Bonsai, what is it?

Bonsai "Umeno-en" (1747 - 1752), Utagawa Toyokuni. Ritsumeikan University

 

Si tratta di un’interpretazione corrente di quest’aspetto del giardinaggio. Dato che l'entusiasmo e l'esperienza per queste altre arti si diffondono in tutto il mondo, al Bonsai verranno aggiunti nuovi significati e apprezzamenti. Molte piante locali e nuove specie autoctone continuano a essere utilizzate per fare Bonsai. Si è in continuo sviluppo e ognuno di noi contribuisce a ciò che questa forma d'arte dinamica rappresenta.